it_701

facebooktwitterpinterestlinkedinmail

a ricoprire il gap rialzista lasciato aperto lo scorso 13 gennaio. La correzione potrebbe proseguire fino a 19,33 senza compromettere l’uptrend.

Decisamente deboli i titoli del settore auto : l’indice FTSE Italia Automobili e Componentistica cede il 2,56%, leggermente meno peggio del 3% dell’EURO STOXX Automobiles Parts. In evidenza Fiat ( 3,41%) che è leader di mercato in Brasile, seguita da CNH Industrial ( 3,14%), Pirelli ( 1,05%), Sogefi ( 3,12%), Piaggio ( 3,89%).

Mediaset ( 2,
duvetica cappotti uomo,35%) rompe il supporto di area 3,65 euro e rischia approfondimenti verso un’altra importante area di sostegno, quella dei 3,40/3,45, ultimo appiglio in grado di evitare il raggiungimento di 3,
chanel le boy bags,20 ed eventualmente il minimo di Dicembre a 2,8540.

Seduta difficile per i titoli del settore cemento/costruzioni: l’indice FTSE Italia Edilizia e Materiali cede ben il 3,72%. In evidenza troviamo Astaldi ( 6,12%), Italcementi ( 4,94%), Cementir ( 4,81%), Buzzi Unicem ( 2,58%). Pesano anche in questo caso le incertezze odierne sui Paesi emergenti dove molti di questi gruppi hanno avviato progetti importanti. Più resistente Salini Impregilo ( 1,
duvetica cappotti donna,94%) dopo l’accordo raggiunto tra il consorzio Gupc e l’autorità Acp (Autoridad del Canal de Panama) per stabilire un protocollo di trattativa sulla controversia relativa al completamento dei lavori e ai costi extra da 1,6 miliardi di euro nell’ambito dell’ampliamento del Canale di Panama, un primo passo per risolvere la questione. Gupc è guidato dalla spagnola Sacyr e vede la partecipazione di Salini Impregilo, Jan de Nul e Cusa.

Vendite su Trevi Finanziaria Industriale ( 4,02%) che prolunga la flessione partita dal massimo di lunedì scorso e mette sotto pressione i supporti a 6,15/6,20, decisivi per scongiurare approfondimenti verso 5,95/6,00 e 5,80. Il titolo della società attiva nel settore delle tecnologie e servizi per opere di ingegneria del sottosuolo viene probabilmente penalizzata dalle tensioni sui mercati valutari e soprattutto sulle divise dei Paesi latinoamericani. Trevi Finanziaria Industriale ha interessi consistenti e crescenti nel corso del tempo in quell’area: nei primi nove mesi del 2013 ben 263 milioni di euro di ricavi su un totale di 951,2 (oltre il 27%) sono stati realizzati in America Latina.

Tra i bancari decisamente debole Unicredit ( 2,45%) che rompe le ex resistenze rappresentate dai massimi allineati di Ottobre/Novembre a 5,65/5,
michael kors spalla totes,70 euro. Si prospetta quindi un indebolimento del rally visto a partire da metà Dicembre, ipotesi che ha preso corpo anche grazie al testa e spalle ribassista formatosi nelle ultime 2/3 settimane,
chanel 2.55 borse chanel 28668, prologo a una correzione sui 5,40 almeno e quindi in area 5.

Positiva BP Milano (+0,84%). La banca meneghina ieri ha collocato un bond a 5 anni da 500 milioni di euro con richieste quasi triple. In un’intervista al Sole 24 Ore il neo consigliere delegato e direttore generale Giuseppe Castagna ha affermato che l’aumento di capitale è la priorità ma che prima dell’operazione verranno realizzate le modifiche della governance richieste da Banca d’Italia